Il 28 Marzo nelle sale italiane uscirà il nuovo film di Steven Spielberg: Ready Player One.
Noi, grazie a un'oppurtunità offerta dalla warner bros, siamo riusciti a vederlo in anteprima!
Sono qui oggi a scrivere questo articolo per condividere con voi il mio parare sul film senza spoiler (ma solo perché vi voglio bene...forse).


"Columbus, Ohio, 2045. La maggior parte dell'umanità, afflitta dalla miseria e dalla mancanza di prospettive, si rifugia in Oasis, una realtà virtuale creata dal geniale James Halliday. Quest'ultimo, prima di morire, rivela la presenza in Oasis di un easter egg, un livello segreto che consente, a chi lo trova e vince ogni sfida, di ottenere il controllo di Oasis."

link al trailer: QUI

Dal trailer era già evidente che "Ready Player One" sarebbe stato apprezzato da una certa tipologia di persone. Ricordo ancora come ho fermato svariate volte il trailer per vedere i personaggi presenti nel video (Ah il gigante di ferro, lacrimuccia ? i feeeeels )
La trama è semplice, il protagonista di nome Wade Watts è un utente di Oasis e come tutti cerca di trovare l'easter egg di Halliday.

Sinceramente dopo aver visto il trailer, ero partita già con un'idea sulla trama. Ero convinta che fosse un film tutto arricchito da elementi nerd ma con una storia banale e scontata.
Fortunatamente, mi sono sbagliata.

Opinioni

Per persone che giocano ai videogiochi, guardano serie e film e leggono libri del genere "Ready Player One" ricorda un posto familiare: la nostra mente.
Una pura e semplice espolosione di ciò che piace a noi. E' come se avessero svuotato il cervello di un nerd/gamer e tutto ciò che aveva dentro fosse stato messo in un film. E la cosa bella è che funziona, il miscuglio di tutto non ha stonato.

Al cinema gli spettatori,oltre a vedere il protagonista cercare questo Easter Egg, erano anche loro immersi in una piccola caccia personale: riconoscere i svariati cameo dei personaggi e oggetti presenti nelle varie inquadrature.

Le note negative potrebbero essere il fatto che sebbene il film sia addatto a tutti, alcuni referimenti rischiano di essere troppo sottili per essere del tutto apprezzati da un pubblico che non ha una certa cultura in merito oppure, nel caso opposto, possa sentirsi quasi bombardato risultando pesante.

Nonostante ciò però, ritengo che sia uno dei film migliori basato sul mondo videoludico, imprevidibile sotto certi aspetti e con personaggi ben fatti (hollywood finalmente si fa perdonare dopo Pixels).

Voto:

10/10

perché mi ha colpito nel cuore.
Correte tutti al cinema e state attenti alla stanza 237 ;)!

Pubblicato in Film e serie TV
Domenica, 05 Novembre 2017 17:48

Thor Ragnarok

O muori in Dark World o vivi abbastanza da diventare un pagliaccio in Thor Ragnarok

La scorsa domenica, dopo mesi d'attesa e di convivenza con l'hype causato dal trailer con vibe da guardiani della galassia, sono riuscita a vedere il terzo film dedicato allo Zio... pardon, DIO del Tuono. 

Sarò onesta con voi, ho apprezzato il primo film ma il secondo era un mattone difficile da digerire. Speravo davvero che questo fosse uno buono, considerando il livello alto in cui ci ha abituati la Marvel.

Sfortunatamente, però ho provato solo sentimenti contrastanti che mi hanno portata a un giudizio più o meno sufficiente.

 

La Marvel, con i successi degli ultimi cinecomics, ha capito che deve puntare sul non prendersi seriamente (per paura di finire come la DC? Probabile) ma con questo film mi pare che abbia esagerato.

La trama infatti, molto semplice e carina, era costellata da un esplosione di battute più o meno divertenti. In alcuni momenti mi sembrva di guardare Colorado. A volte in grado di strappare un sorrisino, ma solitamente si faceva avanti uno sgradevole imbarazzo. Inoltre, la voglia di far ridere ha condizionato tutta la narrazione, causando la perdita di caratterizzazione di molti personaggi, rendendo il film poco godibile anche da un gruppo di appassionati. Così come Cate Blanchett come Hela, poteva essere un villain, con la V maiuscola e degna di poter essere chiamata tale ma la Marvel ha sprecato l'opportunità di lavorarci sopra. 

Non tutto però è da buttare via. Infatti gli effetti grafici non hanno deluso, specie durante la scena delle valchirie , il cambiamento dell'ambientazione mi è piaciuto, la soundtrack , con "The immigrant song" e musiche dal gusto rétro, mi ha conquistato il cuore. 

 

Tirando le somme, a mio avviso, nonostante tutto è un film godibile, da guardare senza troppe pretese. In poche parole: "Questo è stato il peggior film che abbia mai visto, lo vedrò solo altre 3 volte... Oggi." cit. Uomo dei fumetti

 

Ragion per cui, il mio voto del film è...

6+ !

 

E voi? Siete già andati a vederlo? Se sì, cosa ne pensate? Commentate sulla nostra pagina FB!

Pubblicato in Film e serie TV